Centro culturale a Madrid

Il centro culturale é situato a Villaverde nella parte meridionale della città di Madrid. Il contesto é piuttosto anonimo, la lottizzazione occupa lo spazio tra l’autostrada e la ferrovia, le palazzine sono di edilizia popolare con un altezza media di otto piani, gli spazi pubblici sono pressoché inesistenti. Villaverde é il tipico quartiere dormitorio posto nella frangia periferica di una grande città

L'edificio proposto rinuncia alla propria ogettualità, la sua presenza é discreta, la negazione di qualsivoglia volontà figurativa viene fatta a favore di un nuovo spazio urbano che possa essere riconosciuto come identitario

L’edificio proposto rinuncia alla propria ogettualità, diventando un tutt’uno con lo spazio pubblico della strada. L’intero programma funzionale si svolge ad un livello seminterrato, la copertura del centro culturale é sul piano del marciapiede che cinge ad ovest l’area di intervento. Il tetto dell’edificio é una grande piazza pubblica, catallizatore di socialità, luogo di incontro e di scambio immerso nel verde. Si é voluto  progettare un luogo che possa essere identitario rompendo la grigia monotonia del contesto

Dal piano terra si accede al centro culturale tramite una pensilina di ingresso, lo spazio seminterrato é illuminato da un sistema di patii e da alcune finestre a nastro poste sul prospetto  nord. Fulcro dell’intero progetto é la biblioteca, un cassettonato in calcestruzzo consente alla luce naturale di attraversare l’ambiente, una scala ellittica media il dislivello